La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co - Vogue.it anelli di celebrazione di tiffany

img.wp-smiley, img.emoji { display: inline !important; border: none !important; box-shadow: none !important; height: 1em !important; width: 1em !important; margin: 0 .07em !important; vertical-align: -0.1em !important; background: none !important; padding: 0 !important; }

Fashion Talents Photography Beauty News Fashion Shows Archive Suzy Menkes Video More Vogue L'Uomo Vogue Vogue Bambini Vogue Sposa Special Links Fashion shows News Cover & fashion stories Trends Accessories Jewellery & watches Models Streetstyle Menu Home Fashion Talents Photography Beauty News Fashion Shows Archive Suzy Menkes Video More Vogue L'Uomo Vogue Vogue Bambini Vogue Sposa Special Links PhotoVogueFestival Moda autunno inverno 2017/2018 LGBT+ aQCua Vblack Vcurvy Coverstory Tagli capelli medi Fashion shows #VFNO2017 Untaggable Journey Festival del cinema di Venezia 2017 Moda Uomo Stealing Time Franca Sozzani Remise en forme Acconciature capelli Festival di Cannes Moda autunno inverno 2017/2018 Untaggable Successful stories Trucco alle sfilate Makeup Fashion events Moda vintage Fashion photography Speciale sfilate Capsule collection Art photography Interviste La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co

La wilderness, il r wsxzquez. tiffany musikespiro della foresta pluviale, i frutti e gli animali: la nuova collezione d’alta gioielleria TIFFANY & Co. è un omaggio splendente alla natura.

Fashion / Jewellery & watches / La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co September 22, 2017 6:30 AM by Carlo Ducci

Il mondo dell’alta gioielleria, ovviamente, ci abitua ai capolavori. Ma anche fra le magnificenze, ce ne sono certe più magnifiche di altre. È il caso della Blue Book Collection di Tiffany & Co. che, dal 1845, ogni anno rappresenta il livello più alto raggiungibile in termini di qualità e rarità delle pietre, di creatività e tipologia di lavorazione. Lo conferma “The Art of the Wild”, la collezione 2017 divisa in sei temi ispirati alla natura. Dalle parure di “Whispers of the Rain Forest”, uno dei cui collier ha 200 diamanti taglio baguette di 60 carati e gli orecchini-foglia 30 diamanti gialli, agli anelli di “Leaves of the Sun”, di cui uno con diamante giallo di 26 carati, ogni pezzo è tanto ricercato quanto prezioso. «Spostiamo sempre più in alto il limite qualitativo del lavoro artigianale», dice Melvyn Kirtley, vicepresidente dell’alta gioielleria di Tiffany & Co. È lui che, fra l’altro, seleziona le pietre più spettacolari, rare e inusuali, che sono poi lavorate all’ultimo piano del Tiffany Building di New York. Nascono pezzi unici, dal valore pressoché incalcolabile. E che, come ogni anno, sono andati sold out in pochi giorni.

Nella foto da “Feathered Clock”. Broche in oro giallo e diamanti custom cut. La peculiare costruzione riproduce con la luce il movimento della coda.

V ogue Italia, settembre 2017, n.805, pag.350

#bannerInRead {display:none !important;}

More

Flour Shop

Club To Club 2017

by Elena Bara

A conversation with Pierre Debusschere

Arte , Gioielli , Magazine

Follow now

Vogue Subscribe Abbonati e Regala Vogue Italia!
edizione digitale inclusa Only €19,90 Vogue now Iscriviti alla newsletter di Vogue ISCRIVITI ORA Related Stories

Huawei • A Unique Portrait

Portfolio Review @ Photo Vogue Festival 2017

Beauty is My Favorite Colour

by Massimiliano Sortino

Manolo Blahnik e Bulgari presentano le bejeweled shoes

by Massimiliano Sortino

Photo Vogue Festival 2017

(after) by Miles Aldridge

Perle

by Selene Oliva

Dolce & Gabbana e Swarovski tiara


tiffany haze
tiffany lampor
tiffany schakelketting
tiffany trump
tiffany и cous

Anelli di calamari al forno

Scritto il 4 commenti

Fritti sono un’altra cosa, su questo non c’è dubbio, questo però non vuol dire che non possano essere buoni e sfiziosi anche così (e lo sono, cacchio!).

Pensavo alla cena della Vigilia, a quel momento in cui sei ad un passo dal rotolare giù dalla sedia per manifesta eccessiva rotondità e compaiono loro, unticci e abbondanti, e tu prima cedi (perchè come fai a non cedere? È Natale, diamine, la festa delle calorie in eccesso!) e poi esplodi rovinosamente e sei costretta a rimandare gli struffoli a domani, e sono arrivata alla conclusione che NO, non può andare sempre così, ci deve essere un’alternativa.

Di eliminare i “rotondini di calamari” non se ne parla, è una questione di principio, allora proviamo a farli più leggeri – mi sono detta – e chissà che non ci resti pure lo spazio per un temerario morso a un roccocò, crepi l’avarizia, il Natale viene una volta l’anno e io non voglio perdermene nemmeno un pezzetto!

Anelli di calamari al forno

Anelli di calamari al forno

Ingredienti

Per due porzioni

Procedimento

Pulisci i calamari. Tira delicatamente la testa fino a staccarla, e sfila dal corpo la conchiglia trasparente, sciacqualo eliminando delicatamente la pelle e gli eventuali residui. Dalla testa elimina il becco al centro dei tentacoli e taglia via gli occhi. Sempre utilizzando le forbici taglia il corpo del calamaro in anelli.

Spremi il limone, aggiungi al succo l’olio EVo e il prezzemolo tritato e metti i calamari a marinare in questo liquido per qualche ora.

Scola i calamari, passali nel pan grattato perchè ne siano completamente ricoperti e adagiali su una placca ricoperta di carta forno.

Cuoci a 180° per circa 20 minuti o fino a leggera doratura e servi ben caldi.

Commenti

Tutti gli eventi di Toscana

dalla redazione storica di Toscana&Chianti News

sabato 28 febbraio 2009

Il nuovo showroom di Franco Pecchioli a Firenze


In un loft liberty a Firenze è stato appena inaugurato il nuovo showroom di Franco Pecchioli. Poche centinaia di metri separano il locale dalla zona in cui Galileo Chini realizzò i capolavori dell'Art Nouveau piu' di un secolo fa.
Dopo gli showrooms di Viale Belfiore e di Borgo San Lorenzo, Pecchioli presenta un concept espositivo che abbina elementi selezionatissimi di arredo a pregiati pavimenti e rivestimenti. Nello showroom vi sono proposte di arredo multiprodotto alto di gamma grazie ad una selezione di prodotti e di marchi ispirati all'eccellenza ed alla qualità: per esempio le sedute Edra, le collezioni di Paola Navone per Lando, le rubinetterie Gessi, i lampadari di vetro di Murano della Formia e della Fornasier, i vasi Vivarini, Poltronova, Hidra, ArtCeram e tanti altri marchi.
Franco Pecchioli Via Gioberti 8 Firenze www.pecchioliceramica.it

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:57 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

La "poesia" di Luca Alinari alla Sala d'Arme di Firenze


Una nuova proposta artistico-culturale di grande spessore riempirà di luce gli splendidi, ma cupi spazi della Sala d'Arme di Palazzo Vecchio: Luca Alinari espone fino al 20 marzo, con ingresso libero, le sue ultime creazioni, quasi tutte senza titolo, ispirate ai pittori del Tre-Quattrocento italiano. L'autore ha parlato di "scatto di poesia", riferendosi alla particolare disposizione d'animo che occorre per monatre le sue opere in uno spazio così suggestivo come la Sala d'Arme.
L'evento dal titolo "Pulviscolo", curato dal critico d'arte Giovanni Faccenda, è stato sponsorizzato dalla Rsa Villa Gisella di Firenze, il cui Amministratore Delegato è Mario Mecca, amico di vecchia data di Alinari. Da molti anni Villa Gisella si occupa d'arte, organizzando, anche nei suoi spazi situati in via delle Panche, molte manifestazioni di successo. L'anteprima della mostra si è tenuta nei giorni scorsi al Grand Hotel Baglioni di Firenze, alla presenza di molti esponenti della stampa, dell'arte, della politica, della cultura. Il poliedrico pittore fiorentino è considerato uno dei piu' quotati artisti del secondo Novecento. Impegni già presi con istitutzioni estere hanno fatto sì che l'evento esepositivo in Sala d'Arme durasse solo 3 settimane. Ma altri impegni attendono l'artista, dopo i successi conseguiti in Cina e Spagna.
Il catalogo della mostra è stato pubblicato dal Masso delle Fate di Signa.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:30 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Arte in mostra

La nuova boutique Cartier a Firenze


Aprirà a fine marzo la nuova boutique fiorentina di Cartier. Nelle sale dello storico Palazzo Tornabuoni Corsi - in via degli Strozzi 36/r - lo store ideato dall’architetto francese Bruno Moinard ospiterà le collezioni di gioielleria, orologeria e gli oggetti d’eccezione della maison.
Nella nuova sede, in cui spiccano materiali di pregio e l’eleganza degli ambienti, confluirà anche l’attività del punto vendita di Montecatini Terme (Pt), il cui ultimo giorno di apertura sarà venerdì 13 marzo 2009.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:23 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Eventi

venerdì 27 febbraio 2009

Una mostra di Cacciola da VARART


Enzo Cacciola (Arenzano- Genova 1945) è stato uno dei protagonisti, negli anni Settanta, della Pittura Analitica, partecipando a moltissime importanti mostre in Italia e in Europa, fino alla Documenta di Kassel nel 1977. Successivamente si prende una sorta di periodo “sabbatico” dedicandosi attivamente all’amministrazione di un piccolo centro dell’Alto Monferrato, Rocca Grimalda, che diviene esempio internazionale per la ristrutturazione ambientale e culturale.
Da un decennio ha ripreso la pratica pittorica con immutato entusiasmo, vivendo l’attuale rinnovato interesse per la Pittura Analitica.
Cacciola ha sempre lavorato con le “sovrapposizioni” di colore, sempre monocromo, anche se non rigidamente assoluto. Dapprima l’olio, poi il cemento, l’amianto, il vinile, oggi il multigum: questi sono i materiali che ricoprono la tela che acquista una forza ed un equilibrio, potenti da un lato e lirici da un altro.
Oggi Cacciola predilige la struttura a dittico o trittico, “stringendo” la tela con bulloni di ferro, lasciati in evidenza, ad indicare la forza della coesione e dell’unione le quali, a loro volta, sono marcate da una sottile linea irregolare di resina vinilica: così la composizione risulta ben percepibile nelle sue partiture.
In questa esposizione alla galleria Varart di Firenze, Cacciola presenta lavori degli anni passati e recentissimi, per un totale di circa venti opere, che vanno a collocarsi tra i bianchi e i grigi della rinascimentale galleria fiorentina, creando un effetto cromatico assai suggestivo.
La mostra è accompagnata da un catalogo con un testo di Giorgio Bonomi.
Periodo: 13 marzo – 30 aprile 2009

Orario: 10.00 - 12.30 / 16.00 - 19.30 Chiuso lunedì e festivi

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 08:07 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Arte in mostra

Alla FOR Gallery espone Giacomo Salizzoni


FOR Gallery di Firenze inaugura, sabato 14 Marzo 2009, alle 17,00, la prima personale di Giacomo Salizzoni, giovane artista in bilico tra fotografia e animazione.
Nato a Bologna, si trasferisce a Firenze per studiare Architettura, laureandosi nel 2004. Da sempre appassionato di fotografia, allarga i suoi orizzonti creativi anche ai video esplorando in particolare la tecnica di animazione “a passo uno” stopmotion.
Ha partecipato a importanti collettive tra cui "Microworlds" presso la Stecca di Milano e “Private Flat” a Firenze, oltre al Video-festival VIDEOMINUTO presso il Museo Pecci di Prato, con un lavoro realizzato per Vespa-Piaggio.
Riceve presto significativi riconoscimenti, si aggiudica il primo premio del concorso "Visual Works" organizzato presso l'Università di Firenze, e analogamente si aggiudica la DIAGEO Photography Competiton nella sezione "Orgoglio" e il concorso “Verso l’alto, con i piedi per terra” indetto dalla Fondazione Alinari nel 2008.
Il suo è uno sguardo ironico sul mondo, con un approccio ludico che gli consente di osservare la realtà e interpretarla con semplicità disarmante. Un linguaggio che gioca principalmente con metafore naives semplici e dirette.
Realizza micromondi immaginari e surreali per esplorare il “macro”, il mondo reale, con i suoi paradossi, i suoi contrasti, ma anche con slanci poetici, fantasie, aspirazioni.
Affascinato da tutto ciò che ha a che fare con il vento è un vero appassionato di aquiloni, mongolfiere e soprattutto aerei di carta, che progetta con competenza quasi ingegneristica, per dare corpo alle “ali della fantasia”.
Appassionato di cucina, “gioca” naturalmente anche con il cibo, e così pasta, frutta e verdura diventano i soggetti di scenari fantastici.
Alcune di queste immagini, così pertinenti con la 4°edizione di TASTE, Salone del gusto e delle Idee, organizzato da Pitti Immagine presso la Stazione Leopolda, che esordirà proprio il 14 marzo, saranno esposte nella mostra presso FOR Gallery, che entra così nel programma “FUORI DI TASTE”, il “fuorisalone” di eventi e appuntamenti culturali in città, a testimonianza della vivacità fiorentina sul tema del gusto e del buon vivere.
Dal 14 Marzo - 14 aprile, con orario 11,00-20.00
Il suggestivo ambiente della FOR Gallery, ricavato all’interno dello storico edificio di Arte della Seta-Fondazione Lisio, è situato nel cuore della città di Firenze, a pochi passi dalla piazza di Santa Maria Novella e in una delle tradizionali strade dedicate all’arte e all’antiquariato.
Nei 200 mq della FOR Gallery si alternano mostre personali e collettive dei vari fotografi rappresentati, tra cui Massimo Listri, Uberto Gasche, Vito Infante, Giacomo Salizzoni, Alessandro Moggi. L’articolato intreccio di nuove visioni, tecniche e linguaggi sarà il tema dominante del lavoro permanente della galleria.
Nella loro eterogeneità le proposte sono rivolte ad un pubblico di sofisticati appassionati che hanno l’esigenza di unire al collezionismo anche lo studio e l’approfondimento, ed allo stesso tempo a quei giovani collezionisti che si vogliono avvicinare al mondo dell’arte attraverso la fotografia.
L’acronimo delle iniziali dei tre soci dà vita al nome della galleria FOR.: semplice ma ricercato, immediato ed incisivo.

FOR Gallery
Via de’ Fossi, 45r
Tel. +39 055 0946444
for@forgallery.it www.forgallery.it

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 07:48 1 commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Arte in mostra

LA CRISI ECONOMICA VISTA DALL'UNIONCAMERE

E' stata presentata stamani al Palazzo degli Affari l’Indagine Flash di Unioncamere Toscana
Le imprese toscane hanno avvertito gli effetti della
crisi sui risultati economici del 2008, l'incidenza sui fatturati è stata considerata rilevante
dal 72% degli imprenditori del commercio e del turismo, dal 67% degli operatori
dell'agricoltura. Ad aver dichiarato una diminuzione di fatturato nel 2008 sono il 62,7%
delle imprese del commercio ed il 55,2% nel turismo; per quanto concerne l'agricoltura, la
contrazione è stata nettamente più contenuta, con una quota ristretta (11,7%) di
imprenditori che hanno dichiarato un aumento rispetto al 2007 a fronte del 47% di
diminuzioni.
La situazione appare in netto peggioramento rispetto al 2007: a titolo di confronto, la
quota di imprese del commercio e del turismo che ha dichiarato una diminuzione del
fatturato nel 2008 supera di 20 punti percentuali la quota dichiarata per il 2007, mentre
nell’agricoltura si limita a 10 punti.
I dati rilevati per il commercio al dettaglio evidenziano differenti andamenti tra le varie
tipologie di esercizi: pesa particolarmente il 66,3% di esercizi specializzati non alimentari
che dichiara una riduzione del fatturato 2008 contro un esiguo 7,2% che ha registrato un
incremento, con segnali molto forti che provengono da abbigliamento e moda (in
diminuzione per il 68,9% delle imprese) e mobili ed elettrodomestici (67,9%).
Le vendite al dettaglio nel periodo natalizio sono state considerate scarse dal 40,2%
degli esercenti toscani a fronte del 38,6% che invece le ha ritenute soddisfacenti e del
21,2% per il quale sono risultate positive. Particolarmente male sono andate le vendite
negli esercizi non specializzati (scarso 52,3%) e quelle di autoveicoli (scarso 56,3%).
Uniche note positive provengono dagli specializzati alimentari tra i cui esercenti quasi uno
su tre ha giudicato le vendite del periodo natalizio molto soddisfacenti (32,6%).
Discorso a parte per il comparto abbigliamento-moda: nei giorni delle festività natalizie
le vendite sono state considerate scarse dal 43,3% dei commercianti, giudicate buone e
molto buone dal 23% circa degli esercenti, sufficienti dal rimanente 33,7%. Le prime tre
settimane dei saldi invernali 2009 in Toscana non sembrerebbero aver rilanciato gli
umori degli imprenditori del settore dato che rispetto al periodo natalizio c’è stato un
assottigliamento di quattro punti della quota di chi ha risposto buono e molto buono
(19,0%) e si è infoltita la schiera dei sufficienti (35,8%) e degli scarsi (45,1).
Negative le festività natalizie anche per il turismo, con un 53,4% degli imprenditori che ha
considerato scarse le presenze e solo un 11,4% che le ha giudicate positive.
Sulla scia dei risultati 2008 e dei foschi segnali dei primi giorni del 2009, le previsioni per
l’anno in corso sono evidentemente contraddistinte da un pessimismo di fondo.
Nell’agricoltura prevale largamente la quota di quanti prevedono una diminuzione (50,4%)
che nei due settori dei servizi appare più contenuta (commercio 44,2%; turismo 42,9%).
Come si nota la situazione è particolarmente preoccupante, le previsioni non sono molto confortevoli.
DEL BIMBO FABRIZIO Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 07:48 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

Pandolfini inaugura il nuovo brand INTERNI


Con l’asta di lunedì 2 marzo, che apre la sua stagione di vendita 2009, la Casa d’Aste Pandolfini inaugura il nuovo brand dal nome INTERNI.
Con INTERNI la casa d'aste fiorentina, oltre al suo solito pubblico, vuole coinvolgere anche i più giovani, proponendo un'ampia offerta in tutti i suoi classici settori. In due diverse sessioni andranno infatti all’incanto argenti e gioielli, dipinti e oggetti d’arte, mobili e arredi di antiquariato e di design, con stime che vanno dai 100 euro ad un massimo di 3.000. Una possibilità insomma per tutti di avvicinarsi all’antiquariato.
La vendita si terrà il 2 Marzo 2009 con due sessioni, una mattutina alle ore 11,00 e una pomeridiana alle ore 15,00. L’esposizione dei lotti si terrà invece dal venerdì 27 febbraio a domenica presso la sede fiorentina di Palazzo Ramirez-Montalvo, in borgo degli Albizi 26, con il seguente orario: dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 14,00 – 19,00.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 03:42 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Eventi

"Giulia non esce la sera" al cinema


"Giulia non esce la sera" è l'ultima fatica cinematografica di Giuseppe Piccioni,interpretata da Valerio Mastandrea e da Valeria Golino, con un cameo di Piera degli Esposti. La pellicola è stata presentata in anteprima al cinema Odeon il 26 febbraio scorso.
Questa è in breve la trama:
Giulia è un'istruttrice di nuoto in libertà vigilata e compromessa col mondo, Guido uno scrittore con una debole vocazione che cerca un coinvolgimento col mondo. Si incontreranno ai bordi di una piscina: lui vuole imparare a nuotare, lei non vuole affondare. Giulia ha una figlia adolescente che rifiuta il suo affetto e non le perdona di averla abbandonata, Guido una ragazzina introversa che si accompagna a Filippo, un coetaneo compassato che legge Kafka e ascolta Richard Anthony. Autore di libri che nessuno conclude, Guido proverà a dare senso e intenzione ai personaggi di un romanzo soltanto abbozzato e alle persone che abitano la sua vita mai spesa.
Sono passati cinque e lunghissimi anni dall'ultimo film di Giuseppe Piccioni, autore di un cinema sommesso e sempre discreto, luce degli occhi in una produzione nazionale (s)finita e prevedibile. È certamente ingiusto definire il valore di opere cinematografiche sulla base dello scarto che evidenziano nei confronti di altri film, eppure non si può negare che Giulia non esce la sera si imponga per la sua capacità di guardarsi attorno, di comprendere meglio ciò che accade (soprattutto) in Italia, di mettere in discussione l'identità dei personaggi e di uscire "dalla chiusura domestica".
Giulia e Guido sono personaggi possibili che oscillano tra apertura e chiusura, sembrano sempre sul punto di aprirsi e di aprire ma poi ricadono nella "sicurezza" abitudinaria di una routine carica di solitudini e ostruzioni. Piccioni prova ad agevolare i rapporti e ad aprire varchi scegliendo, non a caso, un luogo-soglia liquido in bilico tra pubblico e privato. Le sue inquadrature privilegiano punti di vista che incorniciano Giulia e Guido davanti o dietro i vetri, fuori o dentro l'acqua, mettendo in contatto interno ed esterno. Ma la relazione si rivelerà per entrambi come un'occasione perduta, una tensione verso l'altro che si ripiega su se stessa e sul proprio inevitabile scacco.
Il Guido in sospeso di Valerio Mastandrea non riesce a intervenire sul mondo con la sua arte, è insofferente alle pratiche dell'editoria ma ugualmente le asseconda. Il suo scrivere è fine a se stesso e produce un surrogato di esperienza, non riproduce mai la sostanza delle cose. Giulia sopravvive come antidoto a una perdita di libertà e di maternità. Due vite lontane, le loro, eppure adiacenti ai bordi di una piscina. Il caso, in forma di lezioni di nuoto, costringe i loro corpi nello stesso elemento e le loro anime a fare i conti con tutto ciò che non hanno mai saputo o immaginato.
Piccioni scava con precisione e senza nessuna enfasi dentro la complessità della privazione (di maternità e di creatività) di Giulia e di Guido, differentemente percepita, elaborata, disprezzata. Il film si insinua nei segni che dicono la difficoltà di una vita da vivere ancora e nonostante tutto. A raffreddare l'emozionalità calda del frangente e l'attimo della definitiva costrizione dei protagonisti a un destino che hanno volontariamente scelto per loro c'è l'acqua, l'acqua che fluidifica il rapporto dopo un lungo corteggiamento. Ma la loro storia, abortita o assoluta, non andrà oltre l'istantaneità dell'attimo e non si dibatterà contro la propria dissoluzione.

Fabrizio Del Bimbo Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 03:12 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Cinema

giovedì 26 febbraio 2009

'LIBERI DI DECIDERE' INTERVENTO DI SPINI AL TEATRO PUCCINI

SPINI A “LIBERI DI DECIDERE”: LA POLITICA SI FERMI DI FRONTE ALLA LIBERTA’ DI COSCIENZA
Sono un convinto difensore della laicità dello stato e lo sono da credente e se fossi in Parlamento mi dichiarerei contro la legge Calabrò che, con il pretesto di introdurre il testamento biologico, lo vuole in realtà rendere di fatto inefficace”. Lo afferma l’onorevole Valdo Spini, candidato sindaco a Firenze, in un messaggio inviato all’associazione “Liberi di decidere” in occasione della manifestazione di stasera al Teatro Puccini.
“Mi fa piacere che cattolici dello schieramento di maggioranza come l’ex ministro dell’Interno Giuseppe Pisanu abbiano pure preso posizione negativa sul provvedimento – ha aggiunto Spini -. Credo anch’io che la politica si debba fermare di fronte a certe soglie che riguardano la libertà di coscienza e lo stesso spirito di misericordia. Lo dico con profondo rispetto delle posizioni di chi la pensa in modo diverso. Ma una cosa è la legge dello stato altra cosa è la libera adesione ad un una fede religiosa ed ai suoi postulati etici. Vorrei quindi – ha concluso Spini - che vi giungesse il senso della mia partecipazione alla vostra riflessione di stasera”.
DEL BIMBO FABRIZIO Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:09 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

mercoledì 25 febbraio 2009

Al via gli Outlet Arval


Dal primo marzo per acquistare un’auto usata basterà andare all’outlet!
Questa la proposta di Arval, leader in Italia nel Noleggio auto a Lungo Termine, con la sua catena di 12 outlet per la vendita diretta dell’usato. La società (oltre 116mila auto gestite per un giro di affari di oltre 920 milioni di euro nel 2008) ha deciso di distribuire in proprio i veicoli usati, provenienti dalle flotte aziendali, saltando il passaggio della distribuzione esterna. Negli outlet Arval, in fase di allestimento sull’intero territorio italiano, verranno messe sul mercato 20/25mila vetture all’anno.

“Vogliamo rispondere alla crisi del mercato auto con un servizio che va incontro alle esigenze degli italiani. –Spiega Paolo Ghinolfi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Arval- Di solito, infatti, al diminuire delle vendite del nuovo corrispondeva l’aumento della vendita dell’usato. Questa volta però, la crisi globale coinvolge anche il settore dell’usato che subisce un calo di circa il 10% in Italia. Con i nostri outlet, riducendo la filiera commerciale e rivolgendoci direttamente agli acquirenti, possiamo offrire maggiore convenienza. Dei veicoli che vendiamo, in più, conosciamo tutto: li abbiano acquistati noi nuovi, li abbiamo monitorati in tutto il loro percorso, hanno al massimo 60 mesi di vita. Oltre al risparmio, quindi, assicuriamo la qualità dell’usato Arval: una risposta adeguata alle urgenze contemporanee del settore.”

Attivo, inoltre, da marzo anche il sito www.usatoarval.it all’interno del quale si trova la vetrina dell’usato Arval con l’indicazione degli outlet e le offerte in primo piano.


Arval, leader nel mercato del Noleggio a Lungo Termine e della gestione flotte aziendali, è attiva in 39 paesi nel mondo, tra cui 22 nazioni europee, con oltre 1.000.000 di veicoli, toccando i 5 continenti grazie ad importanti accordi di partnership.
La storia della filiale italiana, fin dalla nascita nel 1995, è caratterizzata da una crescita rapidissima che l’ha portata in soli 13 anni a gestire oltre 116.000 veicoli a livello nazionale, con più di 14.000 aziende clienti e 14 sedi sul territorio nazionale (Milano, Torino, Bologna, Firenze, Ancona, Roma, Brescia, Verona, Bari, Treviso).


Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 03:15 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Eventi

Oggi la presentazione del volume Dancalia di Luca Lupi


Si ricorda che si terrà oggi, 25 febbraio, alle ore 16 presso la sede dell'Istituto Geografico Militare in Via Battisti 10 a Firenze la presentazione del volume Dancalia, scritto da Luca Lupi, di cui è già stato scritto ieri. E' importante sottolineare il fondamentale contributo gentilmente offerto dall'Ente Cassa di Risparmio di Firenze per la realizzazione di questo interessante volume, edito da Tagete.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 02:27 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Libri

"Un tocco di archeologia" al Museo


In occasione del bicentenario della nascita di Louis Braille, il Museo Archeologico Nazionale di Firenze, fra i primi in Italia, presenta una guida per non vedenti e ipovedenti, diventando accessibile a tutti.
"Un Tocco di Archeologia" è il libro-guida che grazie alle illustrazioni in rilievo e con l'aiuto di brevi didascalie, offrirà la possibilità di conoscere i pezzi del Museo più significativi attraverso una lettura tattile.

"Abbiamo scelto con cura i pezzi cercando di conciliare rappresentatività e rilevanza storica con la loro idoneità al tipo di esposizione cui sono destinati" afferma la direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Firenze, Carlotta Cianferoni. Nel volume sono infatti riuniti due esemplari significativi della collezione egizia del Museo (seconda per importanza solo a quella di Torino), alcuni capolavori di arte greca come l'Apollo Milani e il Cratere François (il simbolo del Museo Archeologico fiorentino), la celebre Chimera d'Arezzo e la raffinata eleganza dei bronzi romani come l'Idolino e il ritratto di Antinoo.

Il volume sarà disponibile per la consultazione e si aggiungerà agli oggetti selezionati per l'esperienza tattile del percorso "Vedere con le mani" già proposto in passato nel Museo stesso. Questa nuova guida con le immagini in rilievo potrà completare la conoscenza dei pezzi unici del Museo Archeologico Nazionale di Firenze.

Lunedì 2 Marzo 2009 - alle 16 - il volume sarà presentato al pubblico in presenza delle associazioni che operano a favore di ipovedenti e non vedenti e sarà possibile sperimentare la "visita tattile" con il supporto di un'operatrice. Le associazioni interessate potranno richiedere una copia del volume direttamente alla Stamperia Braille di via Nicolodi a Firenze.

Alla presentazione interverrà il dott. Antonio Quatraro, Presidente dell'Unione Italiana Ciechi Firenze.

Il Museo Archeologico Nazionale di Firenze è ben lieto di avviare questa iniziativa in collaborazione con la Stamperia Braille di Firenze, l'unica in grado di tradurre in rilievo un'immagine, come già positivamente sperimentato nel Museo Alinari della Fotografia. È ancora lunga la strada per eliminare le barriere per una completa fruizione del Museo da parte di chiunque, ma l'impegno rimarrà costante affinché questo volume possa essere il primo di una lunga serie.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 02:17 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

IL TEATRO DELLE DONNE A CALENZANO

Il TEATRO DELLE DONNE
Centro Nazionale di Drammaturgia
TEATRO MANZONI di Calenzano
STAGIONE 2008-2009
gio26|ven27|sab28 febbraio2009 ore 21.15
il teatro delle donne - Centro Nazionale di Drammaturgia
Trilogia del Parlatorio
VERSIONE DEI FATTI (La Gabbia 3)
scritto e diretto da Stefano Massini
con Barbara Valmorin, Luisa Cattaneo
e con Maria Bazzani
spazio scenico di Paolo Li Cinli
illuminato da Paolo Magni
Di nuovo le sbarre affrontate come luogo di scambio emotivo, d’incontro tra un dentro e un fuori, come spazio di recupero di rapporti perduti o interrotti. Un parlatorio che diventa confessionale, seduta psicanalitica, luogo metafisico da cui scaturiscono inaspettate dinamiche.
Il testo si trova suo malgrado, dopo il clamore intorno al caso Englaro, a cavalcare l'attualità ancor più che al momento del debutto in settembre.
L'incontro, programmato per venerdì 27, vorremmo servisse a capire qualcosa di reale e di scientifico su questo tema, andando oltre gli steccati.
C’è una vecchia. Sola. Buttata in un angolo della gabbia. Davanti a lei una distesa di mattonelle sporche. Sbarre. Grate. Il carcere. Le mattonelle si possono contare, per passare il tempo. Si fanno tante cose, per passare il tempo. Per spendere il tempo. Per non buttarlo. Che poi sono frasi stupide: buttare il tempo, spendere il tempo. Questa donna vecchia sta lì per dare una versione dei fatti. Gliela chiede con insistenza una ragazza impeccabile, perfetta. Una che non sbaglia. Una che sa come fare. Sa cosa dire. Una che il tempo lo sa usare. Ovvero: spendere. Forse la differenza fra uomini e macchine è che le macchine non perdono tempo. Lo sanno spendere bene. Gli uomini no. Loro a volte si perdono. Inefficienza. Insufficienza. Se gli uomini fossero come le macchine darebbero versioni dei fatti senza perdersi in labirinti. Perché ci sono i fatti e i labirinti. I labirinti sono diversi dai fatti. I fatti sono cose certe. I labirinti sono impressioni. Come i frammenti di visi dentro un treno in corsa. Come le parole sempre uguali di chi sta dietro lo sportello 5 dell’ufficio postale. Come lo sguardo del giovane dell’edicola che non dice buongiorno. Il modulo chiede chi sei: questo è un fatto? O un labirinto? Difficile rispondere. Rispondere senza perdere tempo.
venerdì 27 febbraio ore 19,00 al Castello di Calenzano
DIVERSI PUNTI DI VISTA SUL CASO ENGLARO:
E' IL TEMPO DELLE RIFLESSIONI O DEGLI SLOGAN?
Incontro con:
Alfredo Zuppiroli Presidente della Commissione di Bioetica della Regione Toscana
Cesare Molinari, Professore ordinario dipartimento delle Arti e dello Spettacolo-Università di Firenze
Stefano Massini autore di VERSIONE DEI FATTI
spettacolo selezionato progetto di iniziativa regionale 3D
offerta promozionale 3D
Per il pubblico di età fra 14 e 26 anni : tessera nominativa 3 euro, che dà la possibilità di acquistare biglietti per 3 spettacoli a soli 3 euro, purché visti ciascuno in un teatro diverso.
Per gli altri: tessera gratuita nominativa che dà diritto ad 1 biglietto omaggio allo spettatore che ha già visto 2 spettacoli negli altri 2 teatri.
info e prenotazioni: Il Teatro delle Donneo Teatro Manzoni via Mascagni , 18 – Calenzano (FI)
tel. 055.8876581 - 055.8877213 – teatro.donne@libero.it
ingresso: interi € 13 – Ridotti € 10 (sopra 60 anni, minori di 25 anni, COOP, CartOne)
prevendita: Teatro Manzoni (venerdì e sabato ore 17,00 – 20,00)
Orario biglietteria teatro:
dalle ore 20,00 (tel. 055.8876581)
spettacolo in abbonamento PASSTEATRI
DEL BIMBO FABRIZIO Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 01:24 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

martedì 24 febbraio 2009

Dancalia, un'avventura italiana


"Dancalia. L’esplorazione dell’Afar, un’avventura italiana" è il titolo della "fatica" letteraria di Luca Lupi, appena uscita per i tipi della Tagete Edizioni e presentata a Firenze presso l'Istituto Geografico Militare il 25 febbraio scorso.
L'opera, in 2 volumi di 704 pagine ciascuno, ricostruisce la storia dell'esplorazione della Dancalia, porzione settentrionale del triangolo degli Afar, epopea delle spedizioni europee e in particolare italiane, attraverso le storie di personaggi famosi e sconosciuti, grandi e piccoli, che hanno contribuito a far luce ed a migliorare la conoscenza su questa incredibile regione della Terra. Due importanti e accurati capitoli introduttivi precedono la storia dell’esplorazione dell’Afar: il primo di inquadramento generale dell’area dell’Afar dal punto di vista geologico, geografico ed antropologico; il secondo come approfondimento etnografico sul popolo Afar.
Nel volume si contano circa 1500 immagini, 50 immagini satellitari, 50 documenti storici, 200 carte geografiche, più di 200 spedizioni citate, oltre 2000 personaggi trattati.
Il volume è stato realizzato grazie al patrocinio di:
Ministero degli Esteri
Ministero per gli Italiani nel Mondo
Ministero delle Attività Produttive
Istituto Geografico Militare, Firenze
Dip. Scienze della Terra, Università Pisa
Dip. Scienze della Terra, Università Firenze
Istituto di Scienze Marine (ISMAR), Geologia Marina, Bologna
Sono state realizzate una edizione pregiata a tiratura limitata con cofanetto, numerata e autografata dall’autore, una edizione normale per la distribuzione nelle librerie.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 01:58 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Libri

lunedì 23 febbraio 2009

LA TOSCANA SBARCA IN RUSSIA

Tra mito e stile”: gli abiti più famosi dei divi del cinema
in mostra a Mosca
La Toscana protagonista in Russia con un’esibizione e una sfilata
il 24 e il 25 febbraio
La storia del cinema attraverso i capi delle star. E’ questo il filo conduttore della mostra, curata da ‘Enic meetings & events’, “Tra Mito e Stile”, che s’inaugura domani, martedì 24 febbraio, presso il polo fieristico Expocentr di Mosca (Hall 2.1, Stand Co4). In scena ci saranno gli abiti più famosi del grande schermo: dall’impermeabile di Bogart in Casablanca al vestito di Anita Ekberg in La Dolce Vita, passando per il trench di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany. Una carrellata di creazioni di alta moda realizzata da dieci delle migliori aziende toscane: Brooklyn, Cheby, Landi, Rucon, Nipal, AM, Sicla – Agostoni, Landi – Zerosettanta, Fontani e Macri – Aquatempora.
Organizzata dall’Agenzia regionale di Promozione Economica “Toscana Promozione” in collaborazione con il Consorzio Emporium e curata da ‘Enic meetings & events’, la mostra è il primo di due eventi che la regione italiana ha preparato per l’edizione invernale della fiera CPM Collection Premiere Moscow: un modo per salutare il pubblico russo che da sempre apprezza la moda made in Italy.
L'industria della moda, infatti, è uno dei punti di forza dell’economia della Toscana: nella nostra regione producono, infatti, decine di imprese leader del settore, da Gucci a Ferragamo, da Tod’s a Dolce&Gabbana, da Fendi a Prada, da Céline a Dior. Grandi griffe, accanto alle quali è presente un network di piccole e medie imprese che ha conquistato posizioni di rilievo nel mercato mondiale. Proprio queste imprese sono le protagoniste della CPM Collection Premiere Moscow, dove la Toscana è presente con 34 aziende. Tredici delle quali saranno, invece, le star della sfilata “Fashion From Tuscany” organizzata da Toscana Promozione con l’Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE) e in programma il 25 febbraio ai Mosfilm studios di Mosca. In passerella le creazioni uomo/donna di Giab’s, Tre B, Gallarà, Macri, Confezioni Landi, Brooklyn, Rucon, Confezioni Foce, Nipal, Linea Fontani, Dik-Yuko, Sicla, Rossi Futuring.
DEL BIMBO FABRIZIO Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 23:59 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

IMPORTANTE APPUNTAMENTO A COLLE VAL D'ELSA PER GLI APPASSIONATI DI GRAPPE

Sabato 7 e domenica 8 marzo si svolge l'edizione numero 5 in Piazza Arnolfo e nelle vie adiacenti
Colle di Val d’Elsa celebra il distillato italiano con una nuova edizione di “Gocce di grappa”
Confermato il banco d’assaggio e le schede di valutazione dei prodotti presenti da parte dei visitatori
Degustazioni, laboratori sensoriali, abbinamenti particolari ed un unico protagonista: il distillato italiano ed i
suoi aromi. Sabato 7 e domenica 8 marzo Colle di Val d’Elsa, in provincia di Siena, ospiterà la quinta
edizione di Gocce di Grappa, una rassegna, unica nel suo genere in Toscana, che per due giorni animerà
Piazza Arnolfo e le vie adiacenti per celebrare i distillati provenienti da parti diverse dell’Italia. Quest’anno una
particolare attenzione alla sensibilità femminile di riconoscere i profumi, le degustazioni saranno guidate dalle
donne dell’ANAG che in Toscana sono un nucleo importante. Il patrocinio dell’Associazione Donne della
Grappa, completa la presenza femminile fornendo ricette per cocktails a base di grappa e suggerimenti per gli
abbinamenti che, attraverso l’ esperienza, ha selezionato.
Gocce di Grappa si aprirà sabato 7 marzo alle ore 15 e andrà avanti fino alle ore 23 con tante iniziative
dedicate alla scoperta e alla degustazione di diversi tipi di grappa, per poi tornare il giorno successivo,
domenica 8 marzo dalle ore 15 alle ore 21. Dopo il successo dello scorso anno, l’edizione 2009 ripropone il
banco d’assaggio: acquistando il calice ufficiale Anag da degustazione, al prezzo di 5 euro, i visitatori potranno
assaggiare, guidati dai consigli di esperti rappresentanti dell’Anag Associazione della Toscana, oltre settanta
grappe e acquaviti di diverse regioni italiane: Sicilia, Sardegna, Piemonte, Trentino Alto Adige, Emilia
Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Toscana. I visitatori potranno esprimere il proprio giudizio di
gradimento in una scheda che sarà consegnata loro al momento dell’inizio della degustazione. I risultati, poi,
verranno raccolti e comunicati ai produttori al termine della manifestazione.
Il programma della manifestazione sarà ricco e variegato, con stand di distillerie ed enoteche, presso le quali
sarà possibile non solo assaggiare ma anche acquistare i prodotti. Sarà possibile apprendere di più sulla
distillazione con le spiegazioni degli esperti e l’osservazione di piccoli alambicchi funzionanti. Laboratori
sensoriali con abbinamenti di grappe con sigari toscani e cioccolato, su prenotazione, e con altri prodotti, quali
gelato, formaggio e miele, completano l’offerta. La manifestazione coinvolgerà anche il Museo del Cristallo,
che proporrà una mostra di calici e di bottiglie in cristallo per distillati.
La manifestazione è promossa da Anag, Assaggiatori Grappa ed Acquaviti - Associazione della Toscana, in
collaborazione con l’assessorato al turismo del Comune di Colle di Val d'Elsa, la Pro Loco colligiana, il centro
commerciale naturale Colgirandola, e con il patrocinio della Regione Toscana, Assessorato all’agricoltura,
della Provincia di Siena, dell’Istituto Nazionale Grappa e dell’Associazione Donne della Grappa. Per ulteriori
informazioni sulla manifestazione, è possibile contattare la segreteria via e-mail: goccedigrappa@yahoo.it ,
visitare il sito internet : http://www.terrediarnolfo.it/grappa/gocce.html oppure PuntoCittà al numero 0577-
921334 oppure l’Associazione Pro Loco al numero 0577-922791.
DEL BIMBO FABRIZIO Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 23:48 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Enogastronomia

David LaChapelle espone alla Galleria Poggiali e Forconi


Il 28 febbraio 2009 inaugurerà, presso la Galleria Poggiali e Forconi di Firenze, la mostra personale del poliedrico fotografo americano David LaChapelle.
LaChapelle sceglie di tornare a distanza di circa 10 anni dall’ultima esposizione in Italia in uno spazio privato, dopo aver presentato i suoi lavori in luoghi pubblici di prestigio e attualmente a Parigi. La mostra è dunque un omaggio all’artista, una celebrazione della sua carriera e si compone di 39 opere e 1 video che è il backstage di uno dei suoi ultimi spettacolari lavori, il Deluge (Diluvio), ispirato a una delle scene della Cappella Sistina.
Nell’esposizione spiccano 4 sezioni principali: Deluge (Diluvio), Recollections in America (Ricordi Americani), Star System e Heaven to Hell (Dal Paradiso all’Inferno). La mostra intende quindi essere trasversale e per questo è incentrata sugli ultimi lavori meno visti dell’artista (la serie Awakened e Recollections in America) affiancati, in ambienti differenti della galleria, alle opere per le quali LaChapelle è celebre: Pietà con Courtney Love, Hi Bitch e Bye Bitch con Paris Hilton e Bon Apetite con Naomi Campbell.
Con Deluge LaChapelle critica la corsa al consumismo, l’attaccamento spasmodico ai beni materiali e la caduta di valori universali quali l’alleanza tra i popoli e la pietà. Fa parte di questa sezione Cathedral, evocazione della pittura neomedievale ottocentesca, che pone al centro un fascio di luce soprannaturale proveniente dallo squarcio di una vetrata dietro l’altare di una chiesa e investe un gruppo di fedeli in preghiera. Lo sgomento sui volti dei presenti, immersi nell’acqua fino alla cintola, è proporzionale alla loro speranza di salvezza. Soltanto una bambina dà le spalle alla luce volgendosi con sguardo privo di emozione verso lo spettatore, proprio come i “testimoni del tempo”, secondo una consuetudine diffusa nella pittura rinascimentale.
L’acqua ritorna anche nel ciclo Awakened (Risvegliati) che raffigura persone comuni nei propri abiti usuali immerse in apnea una per una in una vasca d’acqua. L’artista intende così affermare che la rinascita universale è il frutto dei destini individuali. E ancora in Statue dove la salvezza appartiene solo alle opere d’arte che sono tuttavia abbandonate a se stesse.
Le fotografie della sezione Recollections in America appartengono agli anni Settanta e ritraggono gruppi di amici riuniti in casa in occasione di feste di famiglia e commemorazioni varie. LaChapelle, dopo averle acquistate, le ha manipolate con l’inserimento di oggetti e personaggi estranei al contesto originale quali bandiere, armi, e simboli della potenza americana. Gli anni Settanta segnano il tramonto del cosiddetto “sogno americano” e LaChapelle vuole così sottolineare le contraddizioni di una classe – in particolare la middle-class suburbana – che vive in costante conflitto con i sentimenti nazionalistici, dibattendosi tra pacifismo e interventismo.
In Star System è l’immagine pubblica ad essere protagonista perché costituisce per ogni personaggio noto, da Paris Hilton a Courtney Love, il più importante contrassegno d’identità. L’artista coglie gli aspetti della personalità che descrivono in modo esuberante e incisivo la natura narcisista e l’attitudine esibizionista di chi appartiene allo star system. La normalità non è contemplata perché la vera attrattiva è ogni forma di eccesso. Ciascuno di questi ritratti sottolinea come le icone dello star system diventino un alter ego cui affidare la propria riconoscibilità.
La sezione Heaven to Hell presenta una serie di tre fotografie in cui si affronta il tema della morte che quotidianamente ci sfiora o ci coglie. Due delle immagini mostrano un incendio che divampa, distruggendo l’arredamento di un interno; la terza ritrae una contemporanea Pietà interpretata da Courtney Love che sostiene il corpo di un giovane vittima della droga. Il dramma della perdita di una persona cara da parte di chi la subisce, condensato nell’iconografia storica della Pietà, estende i suoi confini all’umanità intera, dando forma a un sentimento di empatia che si nutre di influssi derivati dal profondo interesse di LaChapelle per la storia dell’arte.
La mostra sarà corredata da un catalogo con un testo di Lorenzo Poggiali e una conversazione tra David LaChapelle e il curatore italiano Gianni Mercurio.
Alcuni cenni biografici: David LaChapelle è nato nel 1963 in Connecticut. Il suo percorso di studi artistici è iniziato con la “North Carolina School of Arts” per poi continuare a New York, dove si è iscritto sia alla “Art Students League” che alla “School of Visual Arts”. Prima ancora di terminare la scuola superiore Andy Warhol gli ha offerto il primo incarico professionale commissionandogli un servizio per la rivista “Interview”. LaChapelle ha realizzato copertine e servizi fotografici per le testate internazionali di maggior prestigio fra cui Vanity Fair, Flaunt, i-D, The Face, Arena e Rolling Stone. Il primo libro fotografico "LaChapelle Land" (1996) gli ha permesso di far conoscere il suo stile a un ampio pubblico. Il successivo volume "Hotel LaChapelle" (1998) è stato uno dei libri fotografici più venduti di tutti i tempi. Nel 2006 ha pubblicato le raccolte "Artists and Prostitutes", in tiratura limitata, e "Heaven to Hell". Il fotografo ha poi esteso la sua attività alla regia con la realizzazione di videoclip musicali, eventi teatrali e documentari.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 09:16 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Arte in mostra

sabato 21 febbraio 2009

Il concerto di Firenze Festival


L’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, che celebra quest’anno il 180° anniversario della “Società della Cassa di Risparmio di Firenze” (1829-2009), organizza giovedì 26 febbraio 2009, alle ore 21.00, il concerto di Firenze Festival al Teatro della Pergola aperto alla città, per fare conoscere ai fiorentini, in occasione dell’importante ricorrenza, la Scuola di Cinematografia e le musiche dei film di Firenze Festival.
Firenze Festival, giunto quest’anno alla nona edizione, è nato da un’idea dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze che con la collaborazione dell’ISI Produzioni e, attraverso la propria Scuola di cinematografia – diretta da Stefano Angiolini -, ha permesso agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado della Toscana di esprimersi con il linguaggio delle immagini e dei suoni. E attraverso il linguaggio del cinema i giovani hanno potuto comunicare i loro sogni, le loro speranze , i loro sentimenti e, soprattutto, promuovere i loro diritti.
Firenze Festival è cresciuto negli anni non solo nel numero dei partecipanti e delle scuole coinvolte,ma anche specialmente nei contenuti dei film. Alle storie di paese, alla riscoperta di tradizioni culturali, alla ricerca delle proprie radici si è aggiunta la trattazione di temi di grande spessore quali: il ruolo dei ragazzi nella società, l’integrazione razziale, il rapporto con i compagni diversamente abili, la necessità di salvare la natura, la presa di coscienza che esistono bambini senza scuola e sicurezza, senza gioco e senza speranze per un futuro migliore. Infatti, per i valori espressi nei film realizzati nell’ambito della Scuola di Cinematografia, Firenze Festival ha ricevuto importanti riconoscimenti da parte della ILO – agenzia ONU – che con il programma SCREAM si pone l’obiettivo di sostenere i diritti di tutti i bambini del mondo e soprattutto di eliminare il lavoro minorile attraverso l’educazione, l’arte e i media ed ha ottenuto il Patrocinio dell’UNICEF.
Il concerto di Firenze Festival conferma, attraverso l’esecuzione dal vivo , lo straordinario rapporto tra la musica e le immagini dei film di Firenze Festival, amplificando il loro impatto emozionale. Sarà riconosciuta l’arte dei suoni nel ruolo di protagonista, apprezzando tutta la valenza espressiva che riveste nel racconto cinematografico.
Il concerto eseguito dall’Orchestra giovanile La Rejouissance, diretta da Elisabetta Maschio, si compone di due parti: ad un fantastico viaggio della musica per il cinema di ogni tempo, con musiche di J.B. Lulli, D. Shostakovich, J. Williams, N. Rota, A. Menken, E. Morricone, L. Anderson, E. John, farà seguito l’esecuzione dei brani composti da Davide Masarati per Firenze Festival, contestualmente alla visione dei film realizzati dai bambini e dai ragazzi nell’ambito della Scuola di Cinematografia di Firenze Festival dal 2001 al 2008.
Il concerto di Firenze Festival, promosso ed offerto dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze – presieduto da Edoardo Speranza -, è aperto alla città, con ingresso gratuito, ma, data la disponibilità dei posti, è obbligatoria la prenotazione – fino ad esaurimento posti - entro e non oltre il giorno martedì 24 febbraio, telefonando al numero: 055 2613289, e-mail: federica.checchi@entecarifirenze.it
A tutti i presenti, l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze farà dono del DVD del concerto di Firenze Festival.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:09 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Cinema

venerdì 20 febbraio 2009

Luigi Calamandrei alla Galleria Benvenuti di Firenze


La mostra sarà inaugurata Venerdi 6 Marzo 2009 dalle ore 18 con cocktail alla Galleria Benvenuti in via Maggio 11 r Firenze e si protrarrà fino al 21 Marzo 2009.
Luigi Calamandrei nasce e studia a Firenze, dove frequenta l' Istituto d' Arte di Porta Romana.
Dopo gli studi un amico del padre lo presenta ai fratelli Ponziani, che hanno una bottega di restauro, la più prestigiosa di quell' epoca, in via Santo Spirito.
Sarà la sua fortuna essere quotidianamente a contatto con capolavori del passato provenienti da tutta Italia.Restaurando inizia a capire i sistemi e le tecniche, che gli antichi maestri usavano per creare le loro opere.Fu una delle lezioni più proficue e gli permise di superare certe lacune che la scuola non gli aveva colmato.
Decise successivamente di aprire un proprio studio e in questo lo aiutò l' amico pittore Nino Tirinnanzi, il quale gli fece trovare un locale vicino al suo nel palazzo della Contessa Fioretta Mazzei in via dè Serragli.
Fu in quel periodo che bussò alla sua porta il pittore ceramista Arnaldo Miniati il quale gli chiese di collaborare con lui alla realizzazione di alcune grosse tele destinate ad una chiesa vicino a Prato.
Diventarono amici e il Miniati per riconoscenza fece si che Calamandrei facesse parte del " Paiolo ", antica compagnia di artisti fiorentini.
Per molti anni insegnò disegno e pittura all' Istituto per l' Arte ed il Restauro al Palazzo Spinelli. In questo periodo conobbe Fiorenzo Bartolozzi che aveva una grande bottega di restauro ed antiquariato in via Maggio, il quale lo volle al suo fianco come disegnatore.
Il destino gli offri' inoltre la possibilità di andare nel Qatar, a Doha, dove esegui' diverse opere su commissione dell' Emiro da collocare presso la sua nuova reggia, ma l' amore per la sua Firenze lo fece tornare.
Ha fatto negli anni molte mostre, ricorda in modo particolare la prima, come il primo amore, quando il Commendator Gonnelli gli propose di esporre i suoi quadri nella Prestigiosa Saletta in via Ricasoli, erano i primi anni '70.
Questo è Luigi Calamandrei il quale ci tiene a sottolineare che ha vissuto e vive esclusivamente " d' ARTE e d' AMORE ".

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 03:11 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Arte in mostra

Allo HUB di Ponte San Pietro Loredana Berté


Sabato 21 febbraio dalle ore 23,00 in poi alla discoteca HUB di Ponte San Pietro – Lucca, Loredana Bertè salirà sul palco del HUB fra le 1,00 e le 2,00, per il miniconcerto (quasi un Bignami della sua carriera) che racchiude i suoi più grandi successi , è il momento di incontrarla dal vivo per sentire tutta l’ energia di brani come ‘Non sono una signora’ ‘Sei bellissima’ ‘Dedicato’, ‘In alto mare’ ‘E la luna bussò’ ed ancora altri
Fra le novità che la riguardano c’ è il disco fatto insieme ad Ivana Spagna in uscita nei negozi nelle prossime settimane. Non resta che attendere e magari sentirne un’ anticipazione durante la serata all’HUB.
Ingresso ridotto 14 euro in lista entro le ore 1:00 con consumazione inclusa.
Ingresso InVIP: 20 euro (Ingresso preferenziale, accesso esclusivo nel privè, guardaroba riservato, drink incluso!)

In diretta durante la serata i risultati del Festival di Sanremo.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 02:58 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Musica

Invest Banca, un successo sempre crescente


Nel 2008 l'utile netto di Invest Banca e' salito del 170% a/a ad oltre 3 mln euro. Il margine di intermediazione e' cresciuto dell'80% a 9,5 mln euro, il risultato operativo lordo del 145% a 4,6 mln. La notizia è stata data in anteprima alla stampa specializzata il 19 febbraio dal Presidente Marco Masi e dal Direttore Generale Stefano Sardelli all'Hotel Helvetia & Bristol di Firenze.
La raccolta totale da clientela e' salita del 50% a 4.670 mln euro, di cui 450 mln euro "gestita" (+120%). Il totale attivo e' ammontato a 274 mln euro (+27%). Il Cost/income e' pari al 51%, il Roe al 17 %.
e e magari sentirne un’ anticipazione durante la serata all’HUB.
Ingresso ridotto 14 euro in lista entro le ore 1:00 con consumazione inclusa.
Ingresso InVIP: 20 euro (Ingresso preferenziale, accesso esclusivo nel privè, guardaroba riservato, drink incluso!)

In diretta durante la serata i risultati del Festival di Sanremo.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 02:58 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Musica

Invest Banca, un successo sempre crescente


Nel 2008 l'utile netto di Invest Banca e' salito del 170% a/a ad oltre 3 mln euro. Il margine di intermediazione e' cresciutoAx9x9perativo lordo del 145% a 4,6 mln. La notizia è stata data in anteprima alla stampa specializzata il 19 febbraio dal Presidente Marco Masi e dal Direttore Generale Stefano Sardelli all'Hotel Helvetia & Bristol di Firenze.
La raccolta totale da clientela e' salita del 50% a 4.670 mln euro, di cui 450 mln euro "gestita" (+120%). Il totale attivo e' ammontato a 274 mln euro (+27%). Il Cost/income e' pari al 51%, il Roe al 17 %.
one nelle librerie.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 01:58 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Libri

lunedì 23 febbraio 2009

LA TOSCANA SBARCA IN RUSSIA

Tra mito e stile”: gli abiti più famosi dei divi del cinema
in mostra a Mosca
La Toscana protagonista in Russia con un’esibizione e una sfilata
il 24 e il 25 febbraio
La storia del cinema attraverso i capi delle star. E’ questo il filo conduttore della mostra, curata da ‘Enic meetings & events’, “Tra Mito e Stile”, che s’inaugura domani, martedì 24 febbraio, presso il polo fieristico Expocentr di Mosca (Hall 2.1, Stand Co4). In scena ci saranno gli abiti più famosi del grande schermo: dall’impermeabile di Bogart in Casablanca al vestito di Anita Ekberg in La Dolce Vita, passando per il trench di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany. Una carrellata di creazioni di alta moda realizzata da dieci delle miglior@~~9 anelli di celebrazione di tiffany La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co - Vogue.it

La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co - Vogue.it anelli di celebrazione di tiffany

img.wp-smiley, img.emoji { display: inline !important; border: none !important; box-shadow: none !important; height: 1em !important; width: 1em !important; margin: 0 .07em !important; vertical-align: -0.1em !important; background: none !important; padding: 0 !important; }

Fashion Talents Photography Beauty News Fashion Shows Archive Suzy Menkes Video More Vogue L'Uomo Vogue Vogue Bambini Vogue Sposa Special Links Fashion shows News Cover & fashion stories Trends Accessories Jewellery & watches Models Streetstyle Menu Home Fashion Talents Photography Beauty News Fashion Shows Archive Suzy Menkes Video More Vogue L'Uomo Vogue Vogue Bambini Vogue Sposa Special Links PhotoVogueFestival Moda autunno inverno 2017/2018 LGBT+ aQCua Vblack Vcurvy Coverstory Tagli capelli medi Fashion shows #VFNO2017 Untaggable Journey Festival del cinema di Venezia 2017 Moda Uomo Stealing Time Franca Sozzani Remise en forme Acconciature capelli Festival di Cannes Moda autunno inverno 2017/2018 Untaggable Successful stories Trucco alle sfilate Makeup Fashion events Moda vintage Fashion photography Speciale sfilate Capsule collection Art photography Interviste La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co

La wilderness, il r wsxzquez. tiffany musikespiro della foresta pluviale, i frutti e gli animali: la nuova collezione d’alta gioielleria TIFFANY & Co. è un omaggio splendente alla natura.

Fashion / Jewellery & watches / La nuova collezione d’alta gioielleria Tiffany & Co September 22, 2017 6:30 AM by Carlo Ducci

Il mondo dell’alta gioielleria, ovviamente, ci abitua ai capolavori. Ma anche fra le magnificenze, ce ne sono certe più magnifiche di altre. È il caso della Blue Book Collection di Tiffany & Co. che, dal 1845, ogni anno rappresenta il livello più alto raggiungibile in termini di qualità e rarità delle pietre, di creatività e tipologia di lavorazione. Lo conferma “The Art of the Wild”, la collezione 2017 divisa in sei temi ispirati alla natura. Dalle parure di “Whispers of the Rain Forest”, uno dei cui collier ha 200 diamanti taglio baguette di 60 carati e gli orecchini-foglia 30 diamanti gialli, agli anelli di “Leaves of the Sun”, di cui uno con diamante giallo di 26 carati, ogni pezzo è tanto ricercato quanto prezioso. «Spostiamo sempre più in alto il limite qualitativo del lavoro artigianale», dice Melvyn Kirtley, vicepresidente dell’alta gioielleria di Tiffany & Co. È lui che, fra l’altro, seleziona le pietre più spettacolari, rare e inusuali, che sono poi lavorate all’ultimo piano del Tiffany Building di New York. Nascono pezzi unici, dal valore pressoché incalcolabile. E che, come ogni anno, sono andati sold out in pochi giorni.

Nella foto da “Feathered Clock”. Broche in oro giallo e diamanti custom cut. La peculiare costruzione riproduce con la luce il movimento della coda.

V ogue Italia, settembre 2017, n.805, pag.350

#bannerInRead {display:none !important;}

More

Flour Shop

Club To Club 2017

by Elena Bara

A conversation with Pierre Debusschere

Arte , Gioielli , Magazine

Follow now

Vogue Subscribe Abbonati e Regala Vogue Italia!
edizione digitale inclusa Only €19,90 Vogue now Iscriviti alla newsletter di Vogue ISCRIVITI ORA Related Stories

Huawei • A Unique Portrait

Portfolio Review @ Photo Vogue Festival 2017

Beauty is My Favorite Colour

by Massimiliano Sortino

Manolo Blahnik e Bulgari presentano le bejeweled shoes

by Massimiliano Sortino

Photo Vogue Festival 2017

(after) by Miles Aldridge

Perle

by Selene Oliva

Dolce & Gabbana e Swarovski tiara


tiffany haze
tiffany lampor
tiffany schakelketting
tiffany trump
tiffany и cous

Anelli di calamari al forno

Scritto il 4 commenti

Fritti sono un’altra cosa, su questo non c’è dubbio, questo però non vuol dire che non possano essere buoni e sfiziosi anche così (e lo sono, cacchio!).

Pensavo alla cena della Vigilia, a quel momento in cui sei ad un passo dal rotolare giù dalla sedia per manifesta eccessiva rotondità e compaiono loro, unticci e abbondanti, e tu prima cedi (perchè come fai a non cedere? È Natale, diamine, la festa delle calorie in eccesso!) e poi esplodi rovinosamente e sei costretta a rimandare gli struffoli a domani, e sono arrivata alla conclusione che NO, non può andare sempre così, ci deve essere un’alternativa.

Di eliminare i “rotondini di calamari” non se ne parla, è una questione di principio, allora proviamo a farli più leggeri – mi sono detta – e chissà che non ci resti pure lo spazio per un temerario morso a un roccocò, crepi l’avarizia, il Natale viene una volta l’anno e io non voglio perdermene nemmeno un pezzetto!

Anelli di calamari al forno

Anelli di calamari al forno

Ingredienti

Per due porzioni

Procedimento

Pulisci i calamari. Tira delicatamente la testa fino a staccarla, e sfila dal corpo la conchiglia trasparente, sciacqualo eliminando delicatamente la pelle e gli eventuali residui. Dalla testa elimina il becco al centro dei tentacoli e taglia via gli occhi. Sempre utilizzando le forbici taglia il corpo del calamaro in anelli.

Spremi il limone, aggiungi al succo l’olio EVo e il prezzemolo tritato e metti i calamari a marinare in questo liquido per qualche ora.

Scola i calamari, passali nel pan grattato perchè ne siano completamente ricoperti e adagiali su una placca ricoperta di carta forno.

Cuoci a 180° per circa 20 minuti o fino a leggera doratura e servi ben caldi.

Commenti

Tutti gli eventi di Toscana

dalla redazione storica di Toscana&Chianti News

sabato 28 febbraio 2009

Il nuovo showroom di Franco Pecchioli a Firenze


In un loft liberty a Firenze è stato appena inaugurato il nuovo showroom di Franco Pecchioli. Poche centinaia di metri separano il locale dalla zona in cui Galileo Chini realizzò i capolavori dell'Art Nouveau piu' di un secolo fa.
Dopo gli showrooms di Viale Belfiore e di Borgo San Lorenzo, Pecchioli presenta un concept espositivo che abbina elementi selezionatissimi di arredo a pregiati pavimenti e rivestimenti. Nello showroom vi sono proposte di arredo multiprodotto alto di gamma grazie ad una selezione di prodotti e di marchi ispirati all'eccellenza ed alla qualità: per esempio le sedute Edra, le collezioni di Paola Navone per Lando, le rubinetterie Gessi, i lampadari di vetro di Murano della Formia e della Fornasier, i vasi Vivarini, Poltronova, Hidra, ArtCeram e tanti altri marchi.
Franco Pecchioli Via Gioberti 8 Firenze www.pecchioliceramica.it

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:57 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest

La "poesia" di Luca Alinari alla Sala d'Arme di Firenze


Una nuova proposta artistico-culturale di grande spessore riempirà di luce gli splendidi, ma cupi spazi della Sala d'Arme di Palazzo Vecchio: Luca Alinari espone fino al 20 marzo, con ingresso libero, le sue ultime creazioni, quasi tutte senza titolo, ispirate ai pittori del Tre-Quattrocento italiano. L'autore ha parlato di "scatto di poesia", riferendosi alla particolare disposizione d'animo che occorre per monatre le sue opere in uno spazio così suggestivo come la Sala d'Arme.
L'evento dal titolo "Pulviscolo", curato dal critico d'arte Giovanni Faccenda, è stato sponsorizzato dalla Rsa Villa Gisella di Firenze, il cui Amministratore Delegato è Mario Mecca, amico di vecchia data di Alinari. Da molti anni Villa Gisella si occupa d'arte, organizzando, anche nei suoi spazi situati in via delle Panche, molte manifestazioni di successo. L'anteprima della mostra si è tenuta nei giorni scorsi al Grand Hotel Baglioni di Firenze, alla presenza di molti esponenti della stampa, dell'arte, della politica, della cultura. Il poliedrico pittore fiorentino è considerato uno dei piu' quotati artisti del secondo Novecento. Impegni già presi con istitutzioni estere hanno fatto sì che l'evento esepositivo in Sala d'Arme durasse solo 3 settimane. Ma altri impegni attendono l'artista, dopo i successi conseguiti in Cina e Spagna.
Il catalogo della mostra è stato pubblicato dal Masso delle Fate di Signa.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:30 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog Condividi su Twitter Condividi su Facebook Condividi su Pinterest Etichette: Arte in mostra

La nuova boutique Cartier a Firenze


Aprirà a fine marzo la nuova boutique fiorentina di Cartier. Nelle sale dello storico Palazzo Tornabuoni Corsi - in via degli Strozzi 36/r - lo store ideato dall’architetto francese Bruno Moinard ospiterà le collezioni di gioielleria, orologeria e gli oggetti d’eccezione della maison.
Nella nuova sede, in cui spiccano materiali di pregio e l’eleganza degli ambienti, confluirà anche l’attività del punto vendita di Montecatini Terme (Pt), il cui ultimo giorno di apertura sarà venerdì 13 marzo 2009.

Nicoletta Curradi Pubblicato da Toscana Tutto Vino a 00:23 Nessun commento: